infinito bianco

Mauro Zanardelli

naturopata

consulnte olistico

polaroid mauro

salute naturale

Il metodo Kintsugi

da | Gen 17, 2023 | naturopatia | 0 commenti

il metodo kintsugi

L’arte di riparare le ferite con l’oro.

In Giappone si crede che quando qualcosa ha subito una ferita ed ha una storia alle spalle diventa più bello. Il dolore è parte della vita, a volte è una parte grande e a volte no, ma in entrambi i casi, è una parte del grande puzzle, del grande gioco.

La sofferenza ci insegna, ci dice che siamo vivi. Poi passa e ci lascia cambiati e ci lascia più saggi.

A volte ci lascia anche più forti. In ogni caso l’esperienza lascia sempre la sua cicatrice, tutto ciò che di importante potrà mai accadere nella vita ci lascerà un segno, in un modo o nell’altro.

Kintsugi

Kintsugi 金繕い è un termine giapponese che letteralmente significa “riparare con l’oro” ed è una
pratica che rientra in un concetto estetico più vasto illustrato da un’altro termine particolare: “wabi sabi” 侘寂. Espressione difficile da tradurre, che allude ad un concetto estetico legato all’arte ed indica la bellezza e l’unicità delle cose imperfette.


Nel Kintsugi, l’oggetto danneggiato non viene buttato via, ma anzi viene curato e impreziosito da resina liquida con polvere d’oro versata nelle crepe.


La bellezza non sta nella perfezione, ma nella storia della vita che cambia e nell’imperfezione che ne consegue. Gli oggetti riparati acquistano una dimensione temporale raccontando ognuno una storia diversa e irripetibile nel disegno dorato delle crepe e diventano così simbolo di una rinnovata bellezza.


Nel Metodo Kintsugi, questo principio è applicato alla persona, l’obiettivo non è quello di riportare a nuovo l’organismo, ma è quello di utilizzare l’oro (il nostro intervento) per riportare l’organismo in equilibrio, rispettando il corpo, la storia e le esperienze vissute dalla persona. Le cicatrici della vita sono un arricchimento e non, come spesso si pensa, qualcosa da cancellare.


Il Metodo Kintsugi è composto, in primo luogo, da un’approfondita analisi del terreno della persona attraverso:

che permetteranno di comprendere il terreno e di ideare un piano d’intervento personalizzato composto da:

Gli Obiettivi del Metodo Kinstugi

L’obiettivo del trattamento con il metodo Kintsugi è quello di riportare l’organismo in equilibrio attraverso una serie di manovre che vanno a lavorare sul sistema fisico ed energetico.


I fattori più importanti di questo equilibrio sono:

  • I liquidi che scorrono nell’organismo. Sangue, linfa, liquido intra ed extra cellulare. Sono i liquidi che trasportano i nutrimenti di tutto l’organismo.
  • La struttura scheletrica che sostiene i muscoli ed ingloba gli organi vitali. Una struttura equilibrata consente all’energia di scorrere nel corpo correttamente.
  • La respirazione piena e corretta, che permette di nutrire ed ossigenare tutto l’organismo.
  • Il trattamento Kintsugi incide sul riequilibrio di questi importanti sistemi permettendo il loro miglior funzionamento.

Riportando in funzione la corretta respirazione, stabilizzando la struttura dell’organismo e promuovendo la circolazione dei liquidi, soprattutto della circolazione linfatica, aumentiamo l’energia dell’organismo, abbassiamo il grado generale di infiammazione, alziamo le difese immunitarie, interveniamo sulla postura e sui dolori associati e permettiamo all’energia di circolare senza impedimenti.

Il Metodo Kintsugi aiuta l’organismo a ritrovare l’equilibrio e il benessere globale.

Il Metodo Kintsugi non agisce su una patologia specifica, ma riequilibra l’intero organismo, permettendo alla forza vitale della persona di:

  • Riequilibrare i liquidi che scorrono nel corpo.
  • Migliora la circolazione sanguigna
  • Migliora la circolazione linfatica
  • Aiuta il drenaggio idrico e linfatico
  • Migliorando la circolazione linfatica alza le difese immunitarie dell’organismo
  • Sgonfia l’addome e aiuta il riequilibrio della flora batterica intestinale
  • Utile in caso di linfedema provocato da operazione chirurgica
  • Aiuta ad espellere l’acido lattico
  • Ha un effetto antiossidante generale
  • Rimodella il corpo
  • Diminuisce la cellulite e l’effetto buccia d’arancio
  • Sbloccare la respirazione e permette una migliore ossigenazione di tutto il corpo.
  • Rieduca il cliente a respirare in modo corretto
  • Aiuta a portare ossigeno e energia (Qi) a tutto l’organismo.
  • Una corretta respirazione e un corretto uso del diaframma aiuta a massaggiare e tenere in funzione gli organi interni
  • Riequilibra la pressione sanguigna
  • Stabilizza il rapporto tra il sistema nervoso simpatico e parasimpatico
  • Ri-armonizzare la struttura muscolare e scheletrica .
  • Riallinea la struttura scheletrica
  • Aiuta nei dolori muscolari
  • Allenta le tensioni e le contratture muscolari
  • Modifica la postura, apre e raddrizza le spalle

I risultati del Metodo Kintsugi

  • linfedema
  • cellulite

Potrebbe interessarti anche…

Naturoigienista – Health Coach

Naturoigienista – Health Coach

UN AIUTO OLISTICO AL RIEQUILIBRIO DELLA TUA SALUTE COSA OTTERRAI ATTRAVERSO IL PERCORSO DICOACHING NATUOIGIENISTICO: 1 Consapevolezza del Se’Alimentazione, respiro, aspetto mentale, fisico, emotivo...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

mauro zanardelli

Sono un naturopata, iridologo, riflessologo. Dopo il diploma in Naturopatia ho approfondito lo studio della fitoterapia seguendo corsi di nutrizione e fitoterapia integrata, corsi sul sistema endocrino e neuroendocrinologia in fitoterapia, fitoterapia oncologica e riassetto dei problemi intestinali e della sindrome metabolica con approccio naturale. Oltre all’utilizzo delle piante ho proseguito nello studio della riflessologia plantare, della tecnica metamorfica, e creato la tecnica Kintsugi, una tecnica particolare che unisce il lavoro sul corpo con i principi della psicosomatica. Iscritto al registro degli Operatori delle Discipline Bio Naturali seziona Naturopatia con il codice 2016/NT373 istituito dal comitato Tecnico Scientifico della Lombardia.