Naturopatia – Riflessologia – Discipline Bio Naturali

Polpettine croccanti…al forno

da | Set 17, 2020 | alimentazione | 0 commenti

Polpettine croccanti…al forno

Oggi il titolo della ricetta l’ho lasciato generico appositamente, così da potervi stupire man mano.

Le polpette sono un piatto che solitamente piace un po’ a tutti.

Di ricette riguardanti le polpette c’è ne sono una moltitudine, sia che siano di carne, di pesce o come nel nostro caso vegane.

Come ho già scritto in più occasioni, io non sono vegana, perché mi capita di mangiare la carne o più facilmente il pesce.

Non essere vegana per definizione, non vuol dire però non apprezzare i sapori di questa cucina.

Come ho scritto in uno dei miei primi articoli, a me piace sperimentare gusti ed ingredienti nuovi.

Le mie polpettine croccanti…al forno, non sono proprio mie… ho trovato questa ricetta  alcuni anni fa in un blog di ricette vegane, mi sembra corretto specificare questo fatto.

Pur non essendo di carne, le polpettine croccanti…al forno ci forniranno una buona dose di proteine grazie ai ceci.

Svelato uno degli ingredienti, forse è ora di fornirvi i restanti.

Ingredienti:

  • 225 gr di ceci cotti
  • 90 gr di olive verdi snocciolate
  • 1/4 di cipolla rossa (io l’ho usata bianca, avevo quella)
  • 3-4 cucchiai di fiocchi d’avena
  • scorza di un limone non trattato
  • origano
  • paprika
  • tamari (salsa di soia)
  • olio e.v.o.
  • 2 cucchiai di lievito alimentare in scaglie
  • farina di mais per la panatura
Queste dosi sono per due persone.

Iniziamo subito scolando e sciacquando i ceci sotto acqua corrente.

Fatto ciò prendiamo il mixer dove andremo a mettere i ceci, la cipolla tagliata a pezzetti, le olive e due tre cucchiai di olio e.v.o., frulliamo il tutto cercando di ottenere un composto non omogeneo.

Non ci serve una purea…

Ora prendiamo il tutto e lo trasferiamo in una terrina capiente dove andremo ad aggiungere le varie spezie: 1 cucchiaio raso di paprika, 1 cucchiaio di origano, il lievito in scaglie, 2 cucchiai di tamari ed infine la buccia di un limone (non trattato).

Adesso con le mani mescoliamo il tutto in modo da ottenere in questo caso un composto omogeneo.

Per renderlo un po’ più solido, gli aggiungiamo i fiocchi d’avena che avremo trasformato precedentemente in farina.

Io uso un macina caffè per trasformare l’avena in farina, potete usare, se volete, anche il mixer.

La farina d’avena sostituirà il pangrattato, che solitamente si usa, per dare consistenza alle nostre future polpettine.

Un consiglio che ho imparato ad apprezzare anch’io, non abusate del nostro finto pangrattato perché altrimenti le polpette si seccano troppo in cottura.

Se vi avanza della farina d’avena la potete conservare in un barattolo ermetico.

Ora la parte più divertente, inumiditevi le mani ed iniziate a fare delle palline di piccole dimensioni, che poi passerete nella farina di mais per dargli una panatura croccante.

Stendete un foglio di carta da forno su una teglia ed adagiatevi le vostre polpettine,condite con un filo di olio.

Infornate poi per 15/20 minuti a 180°, finché non diventano dorate e croccanti.

Questo piatto io l’ho accompagnato con una salsa di yogurt.

Ingredienti:

  • 2/3 cucchiaio di yogurt al naturale (per i vegani usate lo yogurt di soia)
  • succo di 1/2 limone
  • 1 cucchiaio di olio e.v.o
  • 1 spicchio di aglio tritato fine (potete usare le spezie che più vi piacciono: erba cipollina, curcuma…)

In una ciotola mescolate bene tra loro tutti gli ingredienti e così otterrete la vostra salsa di accompagnamento.

Come contorno alle polpette io ho cotto al vapore dei fagiolini, del mio contadino di fiducia.

Buon appetito


proprietà avena

Approfondimento, abbiamo parlato di:

Potrebbe interessarti anche…

Dado vegetale

Dado vegetale

Dado vegetale Questa settimana vi propongo la ricetta del dado vegetale, una versione facile e alla portata di tutti. Poiché non trovo corretto appropriarmi di ricette non mie, in questa occasione...

leggi tutto
Moussakà…vegana…

Moussakà…vegana…

Moussakà…vegana… Nell’ultima ricetta che ho postato, ho condiviso con voi il ragù di lenticchie (per la ricetta del ragù di lenticchie clicca qui) e se ben ricordate vi ho detto che ci si poteva...

leggi tutto

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Roberta Albertini

Riflessologa plantare, operatrice D.B.N.